About

“Le Tipe Umane” sono schizzi rapidi ma dettagliati di figure femminili, che Andrea Incontri disegna a mano libera su Instagram nei video e nelle foto della sua vita quotidiana. Donne che camminano con i loro cani o ragazze che escono per fare shopping... donne di diverse età e con personalità diverse, questi personaggi indossano una varietà fantasiosa di abiti, curati in ogni dettaglio, che rivelano la consapevolezza del loro creatore dell’estetica e norme sociali.


Facendo riferimento alla “Comédie Humaine” di Honoré de Balzac, Caroline Corbetta ha coniato il termine ‘Le Tipe Umane’ nel 2016, quando ha curato la prima mostra dedicata alle creazioni di Incontri al Crepaccio di Milano. Più di duecento Tipe Umane, abilmente ricamate e incorniciate con tessuti e materiali pregiati, una schiera delle più svariate tipologie femminili. Ognuno di loro porta un nome generato automaticamente da Instagram a partire da due lettere casuali. Sally, Cassandra, Victoria e tutte le altre sono associate a un luogo, generato in modo casuale dal software di geolocalizzazione del social network. Insieme ai video, originaria- mente condivisi su Instagram, incarna la visione inclusiva del creatore di un universo intensamente umano.




“Le Tipe Umane” (Human Types) are quick but detailed sketches of female figures, which Andrea Incontri draws freehand on Instagram in the videos and photos of his daily life. Women walking their dogs or gir- ls going out to shop... women of different ages and with different personalities, these characters wear an imaginative variety of beautifully detailed clothes that reveal their creator’s awareness of aesthetic and social norms.


Referring to Honoré de Balzac’s Comédie Humaine, Caroline Corbetta coined the term “Le Tipe Umane” in 2016, when she curated the first exhibition dedicated to Incontri creations at the Crepaccio in Milan. More than two hundred human points, skillfully embroidered and framed with precious fabrics and materials, an array of the most varied female types. Each of them carries an automatically generated name by Instagram starting from two random letters. Sally, Cassandra, Victoria and all the others are associated with a place, randomly generated by the social network’s geolocation software. Together with the videos, originally shared on Instagram, it embodies the designer’s inclusive vision of an intense humans universe.